Skip to main content

“Un chiaro atto ostile”. Così il governo iracheno ha commentato gli ultimi raid aerei Usa avvenuti nella notte che avrebbero provocato la morte di almeno un militare e 18 feriti.

Nel mirino americano tre basi irachene che fornirebbero però supporto alle milizie filo-iraniane di Kataib Hezbollah, responsabile a sua volta di numerosi attacchi contro le forze Usa che occupano ancora ampie aree di territorio tra Iraq e Siria.

La nota del Dipartimento della Difesa USA

“Sotto la direzione del presidente Biden, le forze militari statunitensi hanno condotto attacchi necessari e proporzionati su tre strutture utilizzate da Kataib Hezbollah e da gruppi affiliati in Iraq – si legge in una nota del Dipartimento della Difesa Usa – . Questi attacchi di precisione sono una risposta a una serie di attacchi contro il personale americano in Iraq e Siria da parte di milizie sponsorizzate dall’Iran, compreso un attacco da parte di Kataib Hezbollah, affiliato all’Iran e di gruppi affiliati, alla base aerea di Erbil all’inizio di oggi, e destinato a interrompere e degradare le capacità dei gruppi miliziani allineati con l’Iran direttamente responsabili”.

La reazione irachena

“Questi passi minano le relazioni bilaterali e complicheranno il modo in cui raggiungiamo intese attraverso un dialogo collaborativo teso a mettere fine alla presenza della coalizione internazionale”, si legge in un comunicato del governo iracheno.