Caso “sofagate”, Ankara smentisce l’UE: «protocollo concordato con Bruxelles»

Caso “sofagate”, Ankara smentisce l’UE: «protocollo concordato con Bruxelles»

Regna l’imbarazzo a Bruxelles dopo che il governo turco ha smentito le accuse di sessismo perpetrato nei confronti del Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

 

Ankara in un comunicato fa sapere: “È stato seguito il protocollo standard. La presidente della Commissione europea non è stata trattata in modo diverso. Né la delegazione Ue ha chiesto una diversa disposizione. In questa situazione, ci saremmo aspettati che i due ospiti si fossero accordati tra loro”.

 

Sulla questione si è soffermato anche il ministro degli Esteri turco, presente alla visita incriminata: “Ci sono accuse ingiuste nei confronti della Turchia. Non è la prima volta che accogliamo un ospite straniero. Durante l’incontro è stato rispettato il protocollo. Le unità responsabili del protocollo di Turchia e Ue si sono incontrate prima della visita e le loro richieste sono state soddisfatte”.

 

Dopo questa presa di posizione, la palla passa quindi a Bruxelles. E per la precisione fra i piedi di Michel, che dovrà rispondere alla smentita turca .

 

Il gruppo europeo di cui fa parte il politico belga, i socialisti e democratici, ha chiesto addirittura di sfiduciare il proprio iscritto per “inadeguatezza e supina accettazione dei dogmi turchi”.

Post a Comment

uno + dodici =

#SEGUICI SU INSTAGRAM